Tappa 1: Basilea – Passwang – Gola di Pichoux

La giornata inizia con un eccellente espresso al Café frühling nel quartiere Klybeck di Basilea (1). Qui i chicchi vengono lavorati nella torrefazione interna, mentre il latte e gli ingredienti per il muesli e i dolci provengono, per quanto possibile, da produttori biologici locali. In breve: la qualità è la priorità assoluta. Il punto di partenza perfetto quindi per il viaggio che ci attende, per il quale lasciamo Basilea sulla A18 in direzione di Delémont. Dopo una ventina di chilometri, lasciamo l’autostrada già a Zwingen, perché evidentemente ci sono strade ben più interessanti da esplorare. La prima prelibatezza in programma per i guidatori affamati di curve è il Passwang (2): una strada di valico ben costruita, ma per lo più non molto trafficata, con un ritmo costante – ideale per portare dolcemente guidatore e vettura alla temperatura giusta per le prossime imminenti avventure.

La strada scende nuovamente sul lato sud attraverso curve dolci e alcuni tornanti, diventando infine una strada di campagna circondata da boschi. Attraversiamo il confine cantonale da Soletta al Giura attraverso il passo di Schelten (3). Il valico, lungo 15 chilometri, attraversa brevemente anche il territorio cantonale bernese e quindi tre cantoni contemporaneamente. La strada principale prosegue fino a Courrendlin e infine fino al raccordo Delémont-Est, dove imbocchiamo di nuovo la A16. Già a Bassecourt lasciamo nuovamente l’autostrada. Seguiamo la strada principale 18 e infine giriamo a sinistra verso Biel / Bienne / Tavannes – e attraversiamo un vero e proprio canyon. Il percorso si snoda attraverso le impressionanti formazioni rocciose della gola di Pichoux (4) lungo la Sorne. Qui vale sicuramente la pena di fare una breve sosta fotografica.

Tappa 2: Gola di Pichoux – Bellelay – Chasseral

Dopo lo spettacolare percorso attraverso la gola di Pichoux, teniamo la destra e seguiamo la strada fino alla frazione di Châtelat. Chi è a bordo di una Porsche Cayenne, una Macan o una Taycan Cross Turismo, gira a destra alla fermata dell’autobus e raggiunge una piccola pista sterrata (5) – ideale per assaporare l’aria del fuoristrada o per godersi un picnic al sacco. Chi ha una minore altezza da terra rimane sulla strada principale e si dirige verso la prossima meta intermedia: la Maison de la Tête de Moine (6). Nella patria del famoso formaggio rotondo da affettare, non troviamo solo un negozio, ma anche un piccolo museo e un caseificio dimostrativo dove la specialità culinaria viene preparata sul fuoco come da tradizione. Una tappa obbligata per gli amanti del formaggio!

Una tappa obbligata per gli amanti del formaggio!

Il viaggio prosegue sulla strada principale fino a Tavannes, dove si riprende nuovamente l’autostrada A16 per un breve tratto. A Frinvillier si svolta nuovamente e si rimane sulla strada principale per Orvin. Attraversiamo quindi il villaggio di Lamboing, noto per Il giudice e il suo boia di Friedrich Dürrenmatt, prima di svoltare sulla strada del passo verso il Chasseral. Con i suoi 1606 metri sul livello del mare, la montagna più alta del Giura bernese è nota in tutta la Svizzera anche per la sua torre di trasmissione, visibile da lontano. È subito chiaro perché la torre di trasmissione, alta 114 metri, sia stata collocata proprio qui: la vista è libera e mozzafiato in tutte le direzioni. Una sosta all’Hôtel Chasseral (7a) è una buona idea: il parcheggio offre già uno sfondo perfetto per le foto, mentre sulla terrazza dell’hotel vengono serviti cibi e bevande.

Tappa 3: Chasseral – La Chaux-de-Fonds – Yverdon-les-Bains

Quando fa bel tempo, il passo Chasseral può essere molto frequentato. Chi preferisce un posto più tranquillo per uno spuntino, ne troverà uno poco prima della cima del passo; qui un cartello indica la strada per la Métairie de l’Isle (7b). Il piccolo rifugio serve pasti sostanziosi e fonduta, quindi occorre senz’altro un buon appetito. E anche denaro contante (non è possibile pagare con carte) e una sufficiente escursione delle sospensioni: il percorso passa su un sentiero forestale assai irregolare, dove Cayenne, Macan e Taycan Cross Turismo si sentono però a casa loro.

Il viaggio prosegue sul versante nord del Chasseral. Gli appassionati di orologi possono programmare una deviazione a Saint-Imier. Longines, Breitling, Blancpain, Chopard e TAG Heuer: questi grandi nomi dell’orologeria hanno tutti origine in questa città industriale del Giura bernese. TAG Heuer ha ora sede a La Chaux-de-Fonds, a circa 18 chilometri di distanza, la prossima tappa del nostro itinerario. Qui è possibile visitare – su appuntamento – il Museo TAG Heuer (8). Trecento oggetti esposti testimoniano con dovizia di particolari i 150 anni di storia della manifattura orologiera.

Se nel frattempo è venuta fame, il ristorante La Parenthèse a La-Chaux-de-Fonds (9) offre una cucina di alto livello. La grande attrazione è qui la cantina, con un’ampia selezione di formaggi per gli ospiti.

Rinfrescati e rifocillati a dovere, il nostro tour prosegue sulla strada principale 10 attraverso la Val de Travers. La valle si trova – da qui il nome – disposta di traverso rispetto alle altre valli del Giura nel Cantone di Neuchâtel. Il percorso si snoda lungo un’ampia strada di campagna dolcemente curvilinea, ideale per una crociera rilassata e perfetta per terminare una giornata ricca di eventi. Dietro Sainte-Croix, alcune ultime serpentine ci portano alla fine del lago di Neuchâtel fino a Yverdon-les-Bains, dove ci dirigiamo verso il Grand Hôtel (10). L’albergo a quattro stelle con proprio bagno termale offre tutto quel che serve per una pausa perfetta – compresa una gastronomia di qualità nel salone d’onore. La giornata si conclude quindi com’era iniziata: con una vera e propria delizia per il palato.

Info

Partenza: Basilea
Destinazione: Yverdon-les-Bains
Tempo di percorrenza: 4 ore e 50 minuti
Distanza: circa 250 km
Mappa del percorso: Link

 

Punti di sosta:

(1) Café frühling
Klybeckstrasse 69
4057 Basilea
www.cafe-fruehling.ch

(2) Passwang
4719 Mümliswil-Ramiswil
https://goo.gl/maps/7WFNYP1N51hKVsLV6

(3) Passo di Schelten
2827 Mervelier
https://goo.gl/maps/M4SLjXVAeGLYiT81A

(4) Gola di Pichoux
Le Pichoux 25
2716 Sornetan
http://www.juratourisme.ch/de/entdeckungen/naturschonheiten/gorges-du-pichoux.1406.html

(5) Inizio tratto sterrato
Clos Jacquat
2717 Châtelat
https://goo.gl/maps/io7X5mdVMHjVKZv58

(6) La Maison de la Tête de Moine
Domaine de Bellelay
2713 Saicourt/Bellelay
www.maisondelatetedemoine.ch/

(7) (a) Hôtel Chasseral
Route de Chasseral 124
2518 Nods
www.chasseral-hotel.ch/

(b) Métairie de l’Isle
Métairie de l’Isle
2523 Lignières
www.metairiedelisle.ch/

(8) TAG Heuer
Rue Louis-Joseph-Chevrolet 6A
2300 La Chaux-de-Fonds
www.tagheuer.com/

(9) Restaurant La Parenthèse
Rue de l’Hôtel-de-Ville 114
2300 La Chaux-de-Fonds
www.la-parenthese.ch/

(10) Grand Hôtel & Centre Thermal d’Yverdon-les-Bains
Avenue des Bains 22
1400 Yverdon-les-Bains
www.bainsyverdon.ch/

 

Weitere Artikel

Consumption data

Macan GTS

WLTP*
  • 11,7 – 11,3 l/100 km
  • 265 – 255 g/km

Macan GTS

Consumo di carburante / Emissioni
consumo carburante combinato (WLTP) 11,7 – 11,3 l/100 km
emissioni CO₂ combinato (WLTP) 265 – 255 g/km
Classe di efficienza: G