Idea portante

La Porsche Taycan Cross Turismo è fatta apposta per viaggi avventurosi. Un pesante gancio di traino non è previsto volutamente. Che possa comunque trasportare anche e-bike massicce si deve alla genialità degli ingegneri di Weissach. Come pure al fatto che, dove in un’auto con motore a combustione si trovano i terminali di scarico, si aprano nuove possibilità 

Illustrazioni: Design Hoch Drei

Gli sviluppatori hanno ideato una soluzione per il portabici posteriore di cui hanno già richiesto il brevetto: il collegamento diretto con i profili longitudinali della carrozzeria autoportante. Questo tipo di montaggio, unico al mondo, crea un’eccezionale stabilità che Porsche ha anche testato nell’ambito del collaudo vettura generale della Taycan Cross Turismo. Compresa una prova ad alta velocità a Nardò.

La disposizione estremamente profonda del portabici posteriore di Porsche Tequipment riduce al minimo la sua influenza aerodinamica a vantaggio dell’autonomia. Il montaggio è molto semplice: basta rimuovere due piccole cornici nella grem­bialatura posteriore, far scorrere i tubi di supporto e ruotarli di 45 gradi. Poi viene inserito il portabici, aprendolo in tre passaggi. Ed è tutto pronto. E pure sicuro, perché ogni passaggio blocca quello precedente – e se l’operazione non viene completata, la procedura non può essere continuata. «Poka Yoke», termine preso in prestito dal giapponese, è il nome dato dagli ingegneri a tale principio di eliminazione degli errori. Porsche lo impiega anche nell’assemblaggio delle vetture.  

Anche il fissaggio delle biciclette è facile, perché con una distanza tra le guide di 38 centimetri (invece dei consueti 20), manubrio e pedali non interferiscono. In aggiunta, è possibile ordinare una guida di caricamento e dei distanziatori curvi che consentono il perfetto fissaggio di tutte le geometrie del telaio e la forza di bloccaggio limitata dei ritegni protegge anche i delicati telai in carbonio. Naturalmente, il vano bagagli rimane accessibile quando il portabici è montato. A tale scopo, il portabici può essere ripiegato – in modo elegante e discreto, tramite ammortizzazione idraulica. Grazie alla struttura mista in leghe di alluminio, acciaio ad alta resistenza e plastica rinforzata con fibre, ottimizzata per funzionalità e peso, la costruzione è più leggera di circa 20 chilogrammi rispetto a una soluzione convenzionale composta di portabici posteriore e gancio di traino. La capacità di carico di 50 chilogrammi è solitamente sufficiente anche per una terza bicicletta, che può essere sistemata utilizzando un kit di prolunga. Questo optional può essere ordinato in un secondo momento. 

Con le sue ridotte dimensioni (26 × 75 × 89 centimetri, se chiuso), il portabici si adatta perfettamente al vano bagagli. In alternativa Porsche Tequipment propone una pratica borsa.

Nota bene: la predisposizione per il portabici posteriore va obbligatoriamente tenuta presente al momento dell’ordine di una nuova vettura.  

Johannes Winterhagen
Johannes Winterhagen

Dati sui consumi

Taycan 4 Cross Turismo

WLTP*
  • 26,4 – 22,4 kWh/100 km
  • 0 g/km
  • 389 – 456 km

Taycan 4 Cross Turismo

Dati sui consumi
consumo elettrico combinato (WLTP) 26,4 – 22,4 kWh/100 km
emissioni CO₂ combinato (WLTP) 0 g/km
autonomia elettrica combinata (WLTP) 389 – 456 km
autonomia elettrica in aree urbane (WLTP) 463 – 541 km
NEFZ*
  • 28,1 kWh/100 km
  • 0 g/km

Taycan 4 Cross Turismo

Dati sui consumi
consumo elettrico combinato (NEDC) 28,1 kWh/100 km
emissioni CO₂ combinato (NEDC) 0 g/km